Contus de Memoria Decimoputzu

Progetto finanziato tramite la L.R. n. 26 del 1997

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Presentazione del Progetto

Contus de memòria è il risultato del progetto Ricordi e tradizioni, finanziato nel 2009 con la Legge Regionale 26 del 1997, art. 13 “Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna” e con i fondi dell’Amministrazione Comunale di Decimoputzu. Esso rappresenta un importante passo nella direzione del recupero e della valorizzazione delle tradizioni e delle usanze locali. L’obiettivo è quello di offrire uno spaccato della vita della comunità di Decimoputzu nella prima metà del Novecento, ricostruita attraverso i ricordi degli anziani del paese, preziose informazioni custodite nella memoria collettiva che rischiano di cadere nell’oblio quando anche gli ultimi testimoni saranno scomparsi.
L’Amministrazione Comunale, conscia del rischio che questo imponente patrimonio possa andare perduto per sempre, si sta attivando per la sua salvaguardia attraverso iniziative volte a conservare   la cultura orale locale, di cui gli anziani del paese sono gli ultimi depositari, per poi tramandarla   alle generazioni future.
Il sito offre la descrizione di quattro aree, per ciascuna delle quali vi è un testo narrativo redatto a partire dalle interviste agli anziani del paese, contenente ampi stralci dei loro discorsi, per assaporare appieno la lingua e le tradizioni locali. A corredo dei testi vi sono le fotografie, grazie alle quali è stato possibile creare un quadro più completo del periodo storico raccontato dalle nostre preziosissime fonti.
Il sito è stato realizzato in lingua italiana e in lingua sarda, nella sua variante locale, per consentire a tutti gli appassionati delle tradizioni e dei saperi di un tempo, di conoscere la vita, i riti e le usanze della comunità di Decimoputzu. Navigando in questo mare fatto di ricordi, sarà possibile esplorare un mondo antico, quasi ormai perduto, che vive ancor oggi solo grazie ai nostri anziani.